Scuola secondaria di primo grado ’G. Pescetti’ di Sesto Fiorentino (FI) - Classe 3C

Dai social al sociale, usare bene il web

I pregi e i difetti del “Citizen journalism“. Come si possono smascherare le fake news pubblicate?

I social network sono ormai parte integrante della vita delle persone e nessuno può più farne a meno. In alcuni casi sono diventati una vera e propria dipendenza: molti giovani preferiscono restare chiusi in casa davanti al cellulare piuttosto che uscire con gli amici ‘reali’, trascurando i rapporti personali.

Le piattaforme digitali si usano per comunicare, postare foto, vedere video, per non sentirsi soli e per passare il tempo, per inviare messaggi, per studiare, ma soprattutto per conoscere quello che accade nel mondo in tempo reale e tenersi aggiornati sui fatti.

In questo momento, i social hanno assunto anche un’importanza politica, oltre che culturale: servono a manifestare in favore della pace, ad organizzare gli aiuti per i civili dell’Ucraina che scappano dalle loro città bombardate. Tante sono le immagini «in diretta» che, in questi giorni, ci hanno colpito: bambini impauriti, infreddoliti e sofferenti, specie quelli malati. Tanti gli appelli e i video postati da semplici cittadini che documentano così quello che accade intorno a loro. Si tratta di «Citizen journalism» o giornalismo dei cittadini, giornalismo «dal basso» fatto dai non addetti ai lavori. Purtroppo però non tutte le notizie che appaiono sui social sono vere: sono le cosiddette fake news, usate per fare propaganda o per diffondere falsità.

Quindi i social sono allo stesso tempo fonte di informazione e di disinformazione. In classe abbiamo individuato numeri molto diversi riguardo ai morti in Ucraina e così ci siamo chiesti: «Com’è possibile distinguere il vero dal falso?» La risposta che ci siamo dati è che occorre informarsi con spirito critico, senza fretta, riflettendo, verificando la fonte della notizia, confrontando più fonti, stando attenti non solo a quello che accade davanti a noi, ma anche a come e da chi ci viene raccontato.

Sui social sono apparse tante richieste di aiuto per i profughi, ma a chi rivolgersi per essere sicuri che i nostri aiuti arrivino a destinazione? Per noi diventa importante recuperare dei rapporti di fiducia. Il Comune di Sesto Fiorentino, in collaborazione con la Misericordia, ha promosso una raccolta di beni di prima necessità a cui la nostra scuola ha aderito. Ci fidiamo di coloro che incontriamo faccia a faccia, che ci mostrano in concreto come è possibile aiutare gli altri in prima persona. Per questo abbiamo deciso di conoscere meglio la realtà del volontariato intervistando il Governatore della Misericordia di Sesto, il dottor Sandro Biagiotti.

Votazioni CHIUSE
Voti: 920

Pagina in concorso